Carissimo amico di MK, dopo 4 splendidi ed intensi mesi di gioco abbiamo deciso di chiudere i battenti. Ringraziamo tutti voi per la fiducia. Torneremo presto!!!
 
HomeIndiceFAQLista UtentiGruppiRegistratiAccediCalendarioCerca

Condividi | 
 

 Pergamena diretta al Califfo di Almoade

Andare in basso 
AutoreMessaggio
Aaron_

avatar

Messaggi : 82
Data d'iscrizione : 01.01.13

Foglio di personaggio
Nome del Personaggio: Salah al-Din Yusuf al-Ayyubi II
Titoli Nobiliari: Sultano di Egitto
Anno di Nascita (ON):

MessaggioTitolo: Pergamena diretta al Califfo di Almoade   Mer 06 Feb 2013, 17:40

Assalamu Alaikum Califfo,

Vi invio questa pergamena per informarvi che il tempo di pace avrà presto fine se voi non agirete con saggezza.
Il sultanato d'Egitto, nella mia persona, reclama i territori che gli furono tempo addietro sottratti.
Vi invito pertanto a ritirare seduta stante le vostre truppe dalle province di Tunisi e di Algeri ed inoltre ad offrirmi, quale tributo, degli Aurei o le mie truppe, molto presto, reclameranno con la forza quanto chiedo per poi fermarsi solo una volta giunte presso la vostra Capitale, Marakesh, portando morte e distruzione.
Vi sconsiglio vivamente di tentare anche solo una resistenza poiché ho un fido alleato che giungerà presto dalla Spagna così non avrete via di scampo e soccomberete. Il mio è un invito a ragionare. Vi restano pochi giorni e poi, i miei uomini ed io, caleremo su di voi senza alcuna pietà.
Meditate Califfo, e che Allah vi guidi sulla via della saggezza.

Allah è grande.

Salah al-Din Yusuf al-Ayyubi II
Sultano d'Egitto
Re d'Africa.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Chioccilo
Admin
avatar

Messaggi : 192
Data d'iscrizione : 06.11.12

MessaggioTitolo: Re: Pergamena diretta al Califfo di Almoade   Mer 06 Feb 2013, 21:12

Il magnifico califfo riceve la pergamena ed ordina al suo scrivàno di leggergliela. Poi, rimanendo nella sua severa compostezza, sorseggia il suo tè alla menta e con decisione ordina allo stesso scrivano di imprimere su pergamena la risposta che farà recapitare al sultano d'Egitto.

Salàm Salah al-Din al- Ayyubi, nipote di Saladino il grande.
È così chiaro ai miei occhi colmi di saggezza che la vostra giovine età non vi permette di ragionar con senno pieno.
Tutta via l rispetto per il vostro grande antenato, che in passato mi fu al tempo nemico ed al tempo alleato, mi impone di trattarvi con paterno affetto e non co e tratterei un comune stolto. Posto ciò vi invito, sultano, a riflettere sulla banalità del vostro deplorevole sermone ed a ritirare le vostre vili offese.
In caso contrario non tarderò certamente a rispondere con l'armi e a sconfiggere il vostro sultanato per l'ennesima volta. Non sopporto che un sovrano straniero e quanto mai prossimo agli asiatici venga ad irrompere nella quiete di casa mia: non lo tollero con gli infedeli europei né lo tollero con i seguaci del grande Maometto.
Quanto ai vostri alleati europei non li temo né li considerò affatto.
Nella speranza che il tuo ingresso in Marakesh sia per un'amichevole tazza di the e non per importi la pena capitale tramite decapitazione, vi invito a riconoscere che sono io l'unico vero padrone dell'Africa!

Allah è grande e vince, benedica la pace.
Abū Idris.


In seguito un messo almohade recapitò la pergamena alla corte d'Egitto.
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo http://www.medievalkings.it/
Aaron_

avatar

Messaggi : 82
Data d'iscrizione : 01.01.13

Foglio di personaggio
Nome del Personaggio: Salah al-Din Yusuf al-Ayyubi II
Titoli Nobiliari: Sultano di Egitto
Anno di Nascita (ON):

MessaggioTitolo: Re: Pergamena diretta al Califfo di Almoade   Mer 06 Feb 2013, 23:09

La pergamena che giunge in risposta, arriva mentre lui attraversa il breve tratto di mare che dalla Sicilia lo porta alla sua provincia di Bengasi; in piedi sulla prua della nave detta la risposta ad un suo uomo di fiducia.

Abù Idris,
leggo a malincuore le vostre parole che saranno causa di tanto dolore per la vostra gente e per voi in prima persona.
Vi ringrazio per il rispetto che dimostrate nei Miei confronti ma non sarà la memoria di mio nonno o il fatto che in passato egli abbia dimostrato benevolenza nei vostri confronti, a salvare voi e il vostro califfato; io, Salah al-Din al-Ayyubi II, difensore della vera Religione e Re d'Africa, vi assicuro che questo è l'ultimo giorno di pace e felicità che voi passerete.
Il mio illustre albero genealogico mi impone di compiere gesta che vanno al di là della vostra comprensione, mi impone di dichiarare ora e qui che fra i nostri Regni sarà guerra e che non sarò io a cadere sconfitto.
Preparatevi poichè le mie truppe già battono i piedi e razziano le vostre terre marciando sulle vostre insulse città che, presto, risorgeranno sotto la mia saggia guida.
Che Allah doni più intelligenza di quanta voi non ne avete, ai vostri uomini, e li renda più svelti nell'arrendersi alla mia potenza.

La vostra fine è vicina, pregate affinchè quel giorno io abbia clemenza ma preparatevi ad inginocchiarvi all'Imperatore d'Africa.

Salah al-Din al- Ayyubi II,
difensore della Vera Religione,
Imperatore d'Africa.


A queste parole seguiranno tre dispacci:
- uno diretto alle truppe stanziate presso Bengasi ordinando loro di iniziare a marciare su Tunisi.
- uno diretto alle truppe di stanza a Damasco con l'ordine a 50 fanti di muovere verso Bengasi mentre ad altri 50 di unirsi a loro volta all'esercito principale in marcia che sarà ovviamente più lento ed infine gli ultimi 50 resteranno a Damasco.
- uno diretto alla flotta tutta che avrà l'ordine di riunirsi nel mare antistante la provincia di Tunisi e di pattugliare giorno e notte lo stretto fra la Sicilia e la suddetta provincia attaccando ogni nave del Regno di Almoade; verrà inoltre ricordato a tutti che sono attese le navi Sicule, alleate.

Verrà poi resa nota una pergamena diretta a tutto il popolo del Sultanato d'Egitto:

<Oggi ha inizio la nostra guerra contro l'infame Califfato di Almoade che insulta con i suoi usi e le sue nefandezze la nostra amata Religione. E' ora che quanto un tempo ci fu tolto, torni ad essere nostro. E' ora che il mondo conosca quale fu il vero ed unico Popolo che Allah dichiarò essere "ELETTO".
Oggi io, Salah al-Din al- Ayyubi II, nipote del Grande Saladino, riprendo il cammino da lui prematuramente interrotto per rendere ancora grande il nostro Regno e per donare prosperità al mio amato Popolo.
Che Allah ci guidi alla vittoria, che accechi la vista dei nostri nemici, che faccia crollare le loro mura e che ci doni una vittoria giusta per una causa ancor più giusta.
Unitevi, o popolo del Sultanato d'Egitto, alla guerra e fate la vostra parte. Unitevi a questa guerra Santa, armatevi e offritevi volontari, la vostra forza è la Mia!

Salah al-Din al- Ayyubi II,
Sultano d'Egitto.>



Infine una pergamena è inviata al Regno di Sicilia:

<L'ora è giunta, la guerra è imminente, conducete le vostre truppe presso Tunisi... Il Califfato di Almoade deve soccombere. Le mie navi stanno già pattugliando lo stretto fra la Sicilia e Tunisi, unite le vostre navi alle mie e prestate anche attenzione allo stretto di Messina. E' la loro unica alternativa per colpirci. La prima città a cadere deve essere Tunisi, seguirà poi Algeri e quindi Marakesh ma sarò io, Saladino II, a dover oltrepassare le mura per primo. Ora è necessario riunire le nostre truppe formando un unico grande esercito e prepararci alla prima battaglia campale, poi agiremo di conseguenza. Vi attendo nella mia tenda, se vorrete prender parte alla guerra in prima persona. Che Allah vi protegga. Saladino II.>
Torna in alto Andare in basso
Visualizza il profilo
Contenuto sponsorizzato




MessaggioTitolo: Re: Pergamena diretta al Califfo di Almoade   

Torna in alto Andare in basso
 
Pergamena diretta al Califfo di Almoade
Torna in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» pergamena del potere - errata ufficiale
» ATTENZIONE TRUFFA su "eVay"!
» Il Torneo in diretta : "Tutta la tenzone, clessidra per clessidra"

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
 :: Corti :: Corte d'Egitto-
Vai verso: